NUTRITI CON AMORE 

Dott.ssa Giovanna Senatore

Biologa nutrizionista            
Specialista in Scienza dell’alimentazione

Prendiamoci cura di noi nonostante il covid19

Sono circa due mesi che siamo in “quarantena” per proteggerci e proteggere i nostri cari da un possibile contagio del covid19, passare tanto tempo in casa sicuramente ha inciso sulla nostra alimentazione sia perché abbiamo più tempo per dedicarci alla preparazione dei piatti e sia perché sul cibo si riversano le emozioni, soprattutto quelle negative, e, in questo periodo, tutti siamo stati colti da paura, ansia, dolore o semplicemente noia.

Che cosa possiamo fare per cominciare a prenderci cura di noi, anche in previsione di una maggiore libertà (siamo cauti, però) dei prossimi giorni?

Cucinare può essere un’arma a doppio taglio: da una parte possiamo “curare” maggiormente la nostra alimentazione, dall’altra invece  si può esagerare nella quantità delle porzioni, senza badare troppo alla qualità. Sottolineo, però, che è sbagliato pensare che mangiare in maniera equilibrata e sana corrisponda a mangiare sciapito e senza gusto.

Fatta questa premessa, analizziamo in pochi punti qualche passo che possiamo fare per prenderci cura di noi e ritornare in forma:

  • Un primo passo è quello di monitorare, con il diario alimentare, la nostra alimentazione quotidiana, così da renderci conto di piccoli errori che commettiamo senza renderci conto. Magari c’è un pezzettino di cioccolato di troppo in giornata o quei tarallucci che spizzichiamo mentre prepariamo la cena o durante la visione del film serale, o quel po’ di formaggio mangiato senza nemmeno renderci conto. Piccoli sgarri che possono incidere in maniera più o meno importante sull’introito calorico giornaliero.
  • Un altro passo è di stilare il piano alimentare quotidiano in precedenza: buona norma sarebbe che la domenica sera ci prendiamo un po’ di tempo per redigere il menù settimanale.
  • E’ importante anche che il menù giornaliero sia uniforme per tutta la famiglia, così che, chi si occupa della preparazione dei pasti, il più delle volte la mamma, possa cucinare in maniera serena e più organizzata.
  • Un altro punto su cui lavorare è “riabituare” il gusto. Siamo abituati a gusti troppo forti: troppo salato, troppo dolce, troppo pieno di grassi, cerchiamo di gustare i cibi quanto più al naturale possibile. Per farlo riduciamo poco alla volta l’aggiunta di sale e di grassi nei piatti e quella di zucchero nel caffè e nei dolci.
  • Infine, ma sicuramente importante quanto gli altri punti, è dedicare un po’ di tempo della giornata al movimento. Da qualche giorno ci è stato concesso di passeggiare nei dintorni della nostra abitazione: cogliamo quest’opportunità, ciò farà bene sia al nostro corpo sia alla mente.

Articolo pubblicato su:

https://oradicronacheit.files.wordpress.com/2020/04/ora-di-cronache-30042020-1.pdf

More To Explore

Alimentazione vegetariana e vegana

Dieta vegana e Sindrome dell’intestino Irritabile

La sindrome dell’intestino irritabile conosciuta con la sigla IBS è un disturbo gastrointestinale funzionale cronico, una delle malattie intestinali più comunemente diagnosticate. Comporta dolore addominale,

Alimentazione vegetariana e vegana

Sindrome del colon irritabile e dieta fodmap

I problemi digestivi sono un problema piuttosto comune, tant’è che molti di noi, e spesso, ci lamentiamo per: bruciore di stomaco, gonfiore addominale indigestione, stipsi