NUTRITI CON AMORE 

Dott.ssa Giovanna Senatore

Biologa nutrizionista            
Specialista in Scienza dell’alimentazione

Colecisti e alimentazione

La colecisti (o cistifellea) è un piccolo organo a forma di pera situato al di sotto del fegato, con la funzione di immagazzinare la bile (liquido composto da Sali biliari, colesterolo e altri grassi) prodotta dal fegato e rilasciarla, dopo i pasti, nell’intestino tenue, per:

  • Aiutare la digestione e l’assorbimento dei grassi.
  • Stimolare il movimento (peristalsi) dell’intestino.
  • Eliminare alcuni prodotti di scarto dall’organismo.

I calcoli biliari che possono formarsi nella colecisti, sono piccole “pietre”, costituite in genere da colesterolo, esse si formano per varie cause, molte di esse, mediante un corretto stile di vita, possono essere modificate:

  • Sovrappeso
  • Eccesso di grassi saturi e carboidrati semplici nell’alimentazione
  • Insufficiente apporto di fibre nella dieta
  • Presenza di altre patologie come il diabete, insulinoresistenza
  • Ridotta motilità/contrattilità della colecisti: quando ci si sottopone a lunghi digiuni o a diete prive di grassi, la cistifellea non è stimolata a contrarsi ciò comporta stasi della bile, precipitazione del colesterolo e formazione di calcoli.

I calcoli biliari generalmente non danno grossi problemi ma, a volte, possono provocare episodi di dolore (colica biliare) o infiammazione della colecisti (colecistite), in questi casi il dottore interverrà proponendo un’alimentazione controllata e/o farmaci e/o intervento chirurgico che comporta l’asportazione dell’organo.

E’ chiaro che possiamo fare qualcosa per evitare la formazione dei calcoli biliari o, almeno, ridurre la probabilità che si formino, agendo sull’alimentazione:

  • Preferendo pasti piccoli e frazionati nel corso della giornata per migliorare la motilità della colecisti e ridurre il rischio di sovrasaturazione in colesterolo della bile.
  • Idratarsi correttamente: la disidratazione potrebbe favorire la formazione di calcoli.
  • Prediligere preparazioni semplicicome la cottura al vapore, ai ferri, alla griglia, alla piastra, al forno, al cartoccio.
  • Consumare cibi che aiutano a normalizzare il transito gastrico e intestinale, quindi verdura, legumi, frutta.
  • Ridurre il consumo di grassi saturi soprattutto di origine animale, di bevande ed alimenti ricchi di zuccheri raffinati, preferendo i carboidrati complessi presenti nel pane e nella pasta (anche la pizza è concessa, ovviamente sempre nell’ambito di un’alimentazione corretta ed equilibrata).
  • Consumare grassi monoinsaturi e polinsaturi, presenti nell’olio di oliva, nel pesce, nella frutta secca a guscio.

Da tutto ciò si evince che per tenere in salute la colecisti dobbiamo seguire le linee guida della corretta alimentazione e ad esse aggiungere il proposito di essere attivi, così da dare una mano al buon funzionamento di tutti gli organi.

More To Explore

Alimentazione vegetariana e vegana

Dieta vegana e Sindrome dell’intestino Irritabile

La sindrome dell’intestino irritabile conosciuta con la sigla IBS è un disturbo gastrointestinale funzionale cronico, una delle malattie intestinali più comunemente diagnosticate. Comporta dolore addominale,

Alimentazione vegetariana e vegana

Sindrome del colon irritabile e dieta fodmap

I problemi digestivi sono un problema piuttosto comune, tant’è che molti di noi, e spesso, ci lamentiamo per: bruciore di stomaco, gonfiore addominale indigestione, stipsi